confettura-di-tarassaco

PER ASCOLTARE LA RICETTA CLICCA SULLA FOTO

La puntata di oggi a Estatissima riguarda un fiore giallo che troviamo in tutti i prati, così comune da non farci caso, eppure il tarassaco o dente di leone, non merita questa disattenzione perchè si tratta di una pianta versatile e preziosa, con la quale possiamo preparare tisane, ricette salate e persino un’ottima confettura. Unica avvertenza quella di raccogliere i fiori lontano dai luoghi inquinati, quando sono perfettamente aperti e integri. Per la ricetta di oggi serviranno…

CONFETTURA DI DENTE DI LEONE (Tarassaco)
400 g fiori di tarassaco

1 kg zucchero di canna integrale
8 chiodi garofano
2 bacche di anice stellato
2 limoni biologici non trattati
2 litri acqua

Procedimento:
Disporre i fiori stesi in uno strato unico e non sovrapposti su un canovaccio. Lasciare asciugare per due giorni, poi metterli in un recipiente con i due litri di acqua, le scorze dei limoni, i chiodi di garofano, l’anice stellato e fare bollire per venti minuti.
Filtrare premendo bene i fiori e rimettere sul fuoco il liquido rimasto aggiungendo il succo dei due limoni e i due chili di zucchero. Dovrà bollire per altri 20-30 minuti e comunque non oltre 35.
Otterrete un liquido gelatinoso che andrà immediatamente messo in vasi sterilizzati*, chiusi molto forte e capovolti. Dopo un quarto d’ora riportare i vasi in posizione diritta e lasciare raffreddare. Una volta freddi, circa il giorno dopo, si noterà il classico avvallamento delle capsule di chiusura, che certifica l’avvenuto processo del sottovuoto a garanzia di una conservazione ottimale. Etichettare i vasi indicando contenuto e data di produzione e riporre in luogo fresco e buio.

*Per sterilizzare i vasi si può procedere con la bollitura per 20 minuti completamente coperti di acqua, oppure si possono mettere in forno per lo stesso tempo a 120°.
Le capsule dei vasi vanno sempre usate nuove.

Dandelion flowers with leaves
Annunci