risotto_verza (3)

Prima di accomiatarci dalla stagione più fredda, cogliamo fino all’ultimo tutto il bene che la verza ci porta in termini di vitamine A, K, C e di sali minerali come il potassio, il ferro, il fosforo, il calcio e lo zolfo utili, tra l’altro, all’idratazione della pelle, senza dimenticare la sua potente azione antitumorale.
Sarà per questo che l’uso di questo rustico ortaggio è noto da secoli, e troviamo ricette a base di verza in tutta europa, dalla Romania, alla Grecia fino alla classica cassoeula milanese o nei pizzoccheri valtellinesi.
Oggi la propongo nel classico risotto con l’aggiunta di un tocco insolito, il patè di olive verdi, purchè rigorosamente di qualità., e un pizzico di peperoncino. Una sorpresa per il palato e un altro modo di gustare la verza, verdura invernale dalle proprietà benefiche e dal sapore meraviglioso.

Ingredienti (per 4 persone):
320 g riso Carnaroli
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 scalogno
1,5 l di brodo vegetale
300 g di verza già pulita
30 g formaggio grana
peperoncino in polvere
patè di olive verdi
vino bianco secco

Procedimento:
Per prima cosa staccate qualche foglia dal cespo di verza, togliete la costa centrale (che potrete riutilizzare in una minestra), lavatele e pesatene 300 grammi. Poi affettatele grossolanamente e fate stufare con l’olio e lo scalogno tritati fine, sfumando con il vino bianco . Quando la verza sarà appassita, dopo una decina di minuti circa, aggiungete un pizzico di sale e poi il riso. Fate tostare riso e verza insieme per un minuto e proseguite con la normale cottura del risotto, ovvero 18 minuti totali. A cottura ultimata aggiungete due o tre cucchiaini di patè di olive verdi, un pizzico di peperoncino in polvere e il formaggio grana. Fate mantecare per i classici due minuti e servite caldo.

Annunci